Il Kundalini Yoga può curare la Misofonia?

Agia Kirti Kaur
Agia Kirti Kaur

Insegnante di Kundalini Yoga

Condividi questo articolo:
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on reddit
Share on whatsapp
Share on pinterest

Contenuti di questo post:

curare la misofonia

Al giorno di oggi (2021), non esistono dei trattamenti specifici per curare la misofonia. Nonostante ciò, ci sono alcuni specialisti in campi come la neurologia, psicologia, audiologia che offrono dei percorsi di trattamenti che possono migliorare la vita quotidiana di un misofonico.

Di tutti non c’è un trattamento vincente in assoluto. La misofonia presenta un insieme di sintomi e conseguenze emotive che sono molto articolati.

Ci sono dei fattori come l’età, il contesto sociale, altre patologie pregresse, personalità, ecc., che influenzano notevolmente il vissuto di ogni persona misofonica.

Inoltre, in alcuni individui, i fattori scatenanti non si limitano ai rumori di masticazione altrui e il livello di gravità, ossia la reazione misofonica, può variare da lieve a molto grave (da sentire un fastidio al panico).

La dott.ssa Brout (psicologa, divulgatrice ed anche lei misofonica) ed altri scienziati che stanno esaminando la misofonia da diverse prospettive hanno raccomandato che le persone con misofonia dovrebbero seguire un percorso di cura multidisciplinare. Questo comprende test neurofisiologici, terapia occupazionale, farmaci psicotropi e/o interventi comportamentali.

È importante fornire ai pazienti la capacità di gestione per imparare a rispondere in modo più efficace ai loro sintomi. 

Le strategie ragionevoli da utilizzare nell’approccio basato sulle abilità di gestione includono l’accettazione (consapevolezza, diffusione cognitiva), le abilità di tolleranza allo stress e gli interventi comportamentali e cognitivi basati sul cambiamento.

Ti potrebbe interessare l’articolo “Misofonia Consapevole”

Inoltre, secondo la dott.ssa Brout, dovrebbero essere incluse anche la consulenza familiare, le strategie pratiche per sapere quando evitare o meno gli stimoli, così come i metodi individuali per la regolazione del sistema nervoso.

Come posso capire se un trattamento per la Misofonia sia valido per me?

Curare la misofonia è possibile?

Il fatto che non ci sia un percorso delineato dalle autorità sanitarie per trattare la misofonia, rende molto difficile comprendere quale sia la migliore opzione da scegliere e che possa fare al caso nostro.

Al momento possiamo prendere atto delle diverse esperienze da parte di altri misofonici che hanno provato alcune terapie o possiamo fare noi da “cavia” ovviamente avendo consapevolezza di quali siano le controindicazioni alle quali potremmo andare incontro.

In un articolo pubblicato su misofonia.com “Il trattamento della misofonia e la necessità di etica e regole” si parla di un dilemma etico:

Dove possiamo tracciare la linea di demarcazione tra ciò che sappiamo che può avere un impatto positivo (e dovrebbe essere pubblicizzato come tale) e cosa non lo ha?

Come possiamo garantire alle persone di restare al sicuro e ottenere l’accesso alle informazioni giuste?

I trattamenti per le patologie (non solo per la misofonia) devono essere soggetti a test, controlli, confronto con altri scienziati, e tempo per capire i risultati ovvero se una certa terapia può dare benefici a corto e/o lungo termine.

La misofonia è stata “scoperta” da solo due decadi, e la vera e propria ricerca è iniziata solo pochi anni fa.

Ne consegue che è molto difficile che al giorno di oggi qualcuno possa garantire che una determinata terapia o trattamento per la misofonia funzioni efficacemente.

Avendo questa consapevolezza, quando qualcuno ci offre un trattamento per la misofonia, dobbiamo pretendere, prima di iniziare, di avere tutte le informazioni necessarie, informazioni chiare e oneste.

Probabilmente, in questo momento, l’approccio più azzeccato per trattare la misofonia è seguire le raccomandazioni fatte dalla Dott.ssa Brout e altri scienziati, cioè seguire un percorso di cura multidisciplinare.

Possiamo intraprendere una terapia che va a gestire una parte della sintomatologia della misofonia, ad esempio una terapia cognitivo-comportamentale o delle strategie di neurologia funzionale, o quella che consideriamo che ci possa aiutare con il nostro personale stato psico-emotivo e, ovviamente, condividere le nostre esperienze personali con altri misofonici!

Infine, un ultimo aspetto che considero il più importante, copio-incollo una frase dell’articolo sopra citato:

“E come chi soffre misofonia, abbiamo anche il dovere della diligenza. Abbiamo bisogno di mantenere buon senso e diffidare dei rimedi disperati e rapidi. Sì, questa è una condizione disperata, ma dilettarsi in applicazioni non provate, o ingoiare ciecamente pillole prescritte per altre condizioni, non porta progressi, ma va a mettere solo soldi nelle mani di profittatori che potranno usarlo per diffondere disinformazione e danneggiare, in futuro, le persone più vulnerabili.”

Come può essere di aiuto il Kundalini Yoga per la misofonia?

curare la misofonia

La prima cosa che deve rimanere chiara è che il Kundalini Yoga NON CURA nessuna patologia. Non si utilizza la pratica di questo yoga per curare niente. Il Kundalini Yoga lavora sulla persona che ha una determinata patologia, stato emotivo, ecc.

Nel Kundalini Yoga sfruttiamo le energie mentali, fisiche e nervose del corpo e le mettiamo sotto il dominio della volontà, che è lo strumento dell’anima.

Questa tecnologia combina precisamente e consapevolmente il respiro, il mudra, la concentrazione degli occhi, il mantra, i blocchi del corpo e le posture per equilibrare il sistema ghiandolare, rafforzare il sistema nervoso, espandere la capacità dei polmoni e purificare il sangue. Porta equilibrio al corpo, alla mente e all’anima.

Rafforzando il sistema nervoso sosteniamo anche la salute del sistema endocrino.

Il sistema nervoso si collega direttamente al sistema ghiandolare e spesso inizia la catena di eventi che portano al rilascio di ormoni che si andranno ad intrecciare con le cellule interessate e ai conseguenti cambiamenti nel corpo.

Questa connessione avviene nell’ipotalamo. 

Con una pratica consistente di Kundalini Yoga e Meditazione, le linee di comunicazione tra il sistema nervoso, l’ipotalamo e il sistema endocrino sono ottimizzate e migliorate. (1)

La meditazione funziona in modo da permettere al cervello e alle ghiandole di rilassarsi e ricaricarsi.

La ripetizione e il ritmo, componenti della pratica del Kundalini Yoga, sono i balsami lenitivi che riparano le ghiandole, che permettono un cambiamento a livello del corpo e della coscienza.

Nel corso del tempo, la disciplina applicata della meditazione può sciogliere i traumi incorporati nell’anatomia fisica e sottile per consentire un rinnovato senso di salute, di radiosità e di equilibrio.

(Per saperne di più su come funziona a livello fisiologico la pratica del Kundalini yoga leggete “Fisiologia della Misofonia”)

Perciò, attraverso la pratica del Kundalini Yoga e, in particolar modo utilizzando quelle tecniche che possono agire più specificamente su alcuni aspetti della misofonia, possiamo imparare a gestire la misofonia in modi più sani e più efficaci.

Un aspetto importantissimo della pratica del Kundalini Yoga è quello di portare il nostro corpo e la nostra mente ad uno stato psicofisico dove qualsiasi altro trattamento, cura o terapia che facciamo, già sia per la misofonia o per qualsiasi altre malattie, siano più efficaci. A volte proviamo dei percorsi di cura ma “non funzionano”, questo può essere anche per il fatto che il nostro sistema parasimpatico riesce raramente ad attivarsi per via dello stress. Come spiega il Dott. Dharma Singh:

“Il sistema nervoso autonomo è la principale difesa neurologica del tuo corpo contro le malattie, ma spesso non è in equilibrio. Invece di operare nella modalità parasimpatica di guarigione, riposo e ricostruzione, che favorisce le ghiandole e gli organi del sistema immunitario, spesso opera troppo nella modalità simpatica di lotta o fuga. Questo accade generalmente a causa dello stress che non è bilanciato da tecniche di rilassamento, come la meditazione. Quando questo accade, allontana l’energia dal vostro sistema immunitario e dai vostri vari meccanismi di recupero, e la trasferisce agli organi di lotta o di fuga: i muscoli, il cuore, gli occhi e così via. Quando questo accade troppo frequentemente e troppo a lungo, distrugge il corpo. Le malattie opportunistiche colpiscono. I virus si diffondono. I batteri proliferano. Le ghiandole e gli organi della modalità lotta o fuga si esauriscono. Il cuore può iniziare a battere in modo irregolare. Le ghiandole endocrine che forniscono la vitalità e la giovinezza degenerano. I muscoli possono iniziare a far male con i sintomi della fibromialgia. Possono comparire i sintomi della fatica cronica. L’invecchiamento inizia. la malattia si verifica.” (Dharma Singh in “Meditation as Medicine”)

La mia personale esperienza come misofonica e come praticante (costante!) del Kundalini Yoga mi hanno portato a voler condividere la mia esperienza e a voler incoraggiare a chi soffre di misofonia (e non) di cimentarsi in questa pratica.

Ricerca scientifica sul Kundalini Yoga

curare la misofonia

Gli effetti positivi e duraturi su chi pratica il Kundalini Yoga, ha portato tantissimi scienziati e medici ad effettuare delle ricerche scientifiche su questa disciplina nel campo della medicina generale, delle neuroscienze e della psichiatria. A seguire troverete una lista di libri e articoli sul Kundalini Yoga e sulla meditazione.

Se vuoi conoscere le parti del cervello e i sistemi del corpo coinvolti nella misofonia puoi leggere “Fisiologia del Cervello”

LIBRI

RICERCA SCIENTIFICA (solo in lingua inglese)

In seguito troverete elencate alcune delle ricerche effettuate sul Kundalini yoga e sulla meditazione.

  • Jens Granath, Sara Ingvarsson, Ulrica von Thiele & Ulf Lundberg (2006) “Stress Management: A Randomized Study of Cognitive Behavioural Therapy and Yoga”, Cognitive Behaviour Therapy, 35:1, 3-10, DOI: 10.1080/16506070500401292
  • Simon, R., Pihlsgård, J., Berglind, U. et al. (2017) “Mantra Meditation Suppression of Default Mode Beyond an Active Task: a Pilot Study”. J Cogn Enhanc 1, 219–227. https://doi.org/10.1007/s41465-017-0028-1
  • Danny J.J. Wang, et al, (2011) “Cerebral blood flow changes associated with different meditation practices and perceived depth of meditation”, Psychiatry Research: Neuroimaging, Volume 191, Issue 1, Pages 60-67, ISSN 0925-4927, https://doi.org/10.1016/j.pscychresns.2010.09.011

icona meditazione 5
Ti potrebbe interessare
"Misofonia Consapevole"
7 Azioni Fondamentali
icona meditazione 4

Iscriviti alla Newsletter

Riceverai informazione sui nuovi contenuti.

    icono meditazione

    Vuoi fare esperienza di una meditazione breve?

    pROVA SUBITO UNA MEDITAZIONE GUIDATA
    icona meditazione 6
    Puoi anche leggere:
    Introduzione al Kundalini Yoga

    Il Kundalini Yoga è una tecnologia altamente evoluta basata su una profonda comprensione dell'ecologia del corpo umano....

     

     

     

     

     

     

     

    icona meditazione 2
    Inizia a gestire la misofonia:

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    icono meditazione
    Condividi questo articolo:
    Share on facebook
    Share on twitter
    Share on linkedin
    Share on reddit
    Share on whatsapp
    Share on pinterest